Creiamo "Altro"...

lunedì 3 dicembre 2012

Il predatore-psicopatico e la sua guerra contro l'Essere Vivente Donna/Uomo.



Il predatore-psicopatico e la sua guerra contro 
l'Essere Vivente Donna/Uomo.

Sintesi del lavoro del ricercatore indipendente Thomas Sheridan

Dedicato ai magnifici Esseri Viventi Donna/Uomo del Reparto di chirurgia del Fatebenefratelli-Isola Tiberina di Roma. Alle care Amiche della stanza e ai loro parenti, agli infermieri e alle allieve infermiere, ai medici, agli operatori del vitto, agli operatori delle pulizie, ai rappresentanti della fede cattolica, ai volontari e a tutti gli altri Esseri Viventi Donna/Uomo dell'Ospedale.


"Il predatore-psicopatico è in guerra da sempre. Una guerra contro la bellezza che lo circonda. Sa che non potrà mai raggiungere lo stato di grazia in cui esiste un senso di apprezzamento e di gratitudine quindi cerca di distruggere questa bellezza. Mentre gli umani possono avere l'esperienza della bellezza della loro anima, il predatore è in cerca solo di mezzi energetici da "sottrarre", menti da torturare e disturbare e ancora corpi da pervertire ed inquinare. I predatori creano uguaglianza, portando tutti quelli intorno a sé al loro livello di non-vita. Impongono il loro odio verso lo spirito umano nel mondo intorno a loro e avvelenano ogni cosa che toccano...la vita in sé è la loro più grande psicosi!
Eternamente affamati, sempre vuoti, non smettono mai di cercare quella cosa che ci rende umani e che ai predatori-psicopatici mancherà sempre: l'Anima." Thomas Sheridan





Queste informazioni aiutano a dare un senso alla propria vita, a guarire e ad affrontare la propria quotidianità con maggiore consapevolezza. 
Si tratta di una sintesi del grande lavoro di Thomas Sheridan e invito comunque tutti ad approfondire l'argomento. Personalmente, queste informazioni sono state di enorme importanza poiché non solo il mio passato e alcune relazioni finalmente hanno avuto un senso ma anche il mondo intorno è diventato piu comprensibile grazie a questa lente di lettura che apre un percorso personale, allo stesso tempo liberatorio e intenso. Uno strumento eccezionale d'indagine che fa capire che gli Esseri Viventi Donna/Uomo sono sotto attacco da parte di una sub specie senza scrupoli e che sono in pericolo sia come individui sia come specie...senza questa informazione...
Se i predatori, insieme alla coscienza parassita e attraverso la griglia di potere psicopatico sono la parte attiva di questo male sociale mondiale, chi nega la loro esistenza e non affronta questo problema è la parte passiva e collabora, rendendosi complice, al mantenimento di questo mondo violento e crudele a beneficio di pochi. E' arrivato il momento di aprire gli occhi e di affrontare questo argomento una volta per tutte, individualmente e collettivamente.

Negare l'esistenza del predatore per ignoranza o per "new age world credo" significa essere complici di quello che non va in questo mondo.

Coloro i quali e ogni azione che svaluta e non considera l'Essere Vivente Donna/Uomo in quanto tale è di tipo predatorio-psicopatico! E' per questo motivo che questa conoscenza è cruciale sia per una crescita personale che per una crescita collettiva. Ora che conosciamo i mezzi, abbiamo la possibilità di affrontare insieme, senza paura, la realtà e diventare finalmente realisti, osservando la realtà nella sua completezza
Pur trovandoci in un momento storico difficile, in realtà questo è un tempo glorioso in cui si è aperta una finestra di conoscenza che aiuta, per chi vuole, ad espandere la propria consapevolezza. Come ad esempio il rendersi conto che la "mancanza di umanità in sé" è un modo di essere "psicopatico".

E' quindi molto importante allontanare per sempre da sé le persone, i comportamenti, gli atteggiamenti e i concetti che fanno parte della coscienza parassita predatoria...concetti, come ad esempio quello machiavellico, dell'utilizzare tutti i mezzi per arrivare allo scopo che è un concetto completamente anti Esseri Viventi Donna/Uomo e che in questo momento storico ci riguarda da vicino. Pur di realizzare il loro piano del nuovo ordine mondiale, i nostri governanti psicopatici ci stanno portando alla fame, svendendo il nostro Paese e sminuendo la nostra dignità senza nessuno scrupolo...secondo loro bisognerebbe solo realizzare un concetto astratto estraneo alla realtà, costi quel che costi!!! 

Dove c'è solo la mentalità del profitto o del business per il business troviamo predatori psicopatici oppure la coscienza predatoria.

Il mio impegno è quello di diffondere il più possibile questo materiale per fare chiarezza, in maniera particolare per sostenere i "targets" Esseri Viventi Donna/Uomo danneggiati che, grazie a queste indicazioni, sono in grado di guarire e riprendere a vivere. In più queste informazioni possono ridare speranza e forza agli Esseri Viventi Donna/Uomo affinché creino un mondo a loro beneficio...e soprattutto queste informazioni allontanano i predatori-psicopatici visto che questi ultimi sono attratti soprattutto da chi non sa della loro esistenza.
Anche se è assolutamente una fortuna non averne mai incontrato uno credo che oggi, a causa della crisi che ci colpisce direttamente o indirettamente, queste indicazioni riguardano il 96% di tutti noi...

Una scienza recente, l'epigenetica, che si occupa delle caratteristiche ereditabili non codificate nella sequenza del DNA, ci viene in aiuto e ci indica che il cervello ha un sistema auto-regolatore che, per mantenere tutto il corpo in funzione, disattiva ciò che non viene utilizzato. Producendo solo comportamenti e atteggiamenti che stimolano il cervello rettile rischiamo di scartare il lobo frontale e quindi, disattivarlo. Se questa strategia è messa in atto dal potere dominante con l'aiuto dei media, possiamo servirci della stessa conoscenza per fare altrettanto: con il coltivare quotidianamente l'empatia, la compassione, la riconoscenza, la cooperazione, la solidarietà, l'intuizione, la creatività...

Quindi per noi 
Esseri Viventi Donna/Uomo le opzioni sono due:

1) abbracciare i valori psicopatici e usare, come loro, solo il cervello rettile cercando di sopravvivere in una nuova era oscura nella paura infinita fino all'estinzione . Infatti, quando si utilizza solo il cervello rettile, ossia "attacca o fuggi" pensando unicamente alla propria sopravvivenza si rinnega totalmente la propria umanità;
2) riprendersi la propria umanità, utilizzare tutto il nostro cervello e la nostra creatività per avere la possibilità di creare un mondo in armonia con gli animali, la natura e il pianeta terra. Vivere senza paura con gioia e bellezza tutto intorno. 

A noi sta la scelta...e la responsabilità!

La finalita' di queste indicazioni è quella di scoprire chi è il tuo nemico e conoscere la sua natura. Non è una questione di caccia alle streghe, è invece conoscere un "modus operandi" che se continuiamo a permetterlo porterà tutti all'estinzione. Infatti nella nostra dimensione duale esistono 2 tipi di coscienza quella predatoria/distruttiva e quella empatica/creativa. Per sapere cosa fare per difendere la propria vita iniziamo col definire che cosa sia un Essere Vivente Donna/Uomo.


Vita Rosa 2012
Antropologa e ricercatrice indipendente


Ci sono 2 specie che camminano su questo pianeta:

1) Gli Esseri Viventi Donna/Uomo
Magnifici quando realizzati nel loro potenziale; un vero e proprio capolavoro della natura. Hanno capacità di amore per se stessi e per gli altri. Sono empatici, compassionevoli, riconoscenti, capaci di cooperazione e di solidarietà. Hanno una coscienza e sono consapevoli che ogni loro pensiero, parola o azione ha un impatto sul mondo esterno, sugli altri e su loro stessi. Se sbagliano fanno di tutto per rimediare, per assumersene la responsabilità e per migliorare come possono. Hanno intuizione e creatività per affrontare la vita quotidiana con flessibilità e senza stress. Se un gruppo di Esseri Viventi Donna/Uomo viene messo su un'isola con  poche risorse non rischia l'estinzione grazie principalmente alla cooperazione, la solidarietà, l'empatia e naturalmente alla coscienza-consapevolezza creativa. Grazie a queste informazioni l'Essere Vivente Donna/Uomo può concentrarsi sulle cose che nella vita portano gioia, serenità, pienezza e completezza piuttosto che sulle cose che i mass media e la pubblicità ci dicono che ci mancano per poterci completare ed "essere accettati". Gli Esseri Viventi Donna/Uomo si manifestano nella loro unicità, accettano se stessi e gli altri per quello che sono. Gli Esseri Viventi Donna/Uomo sono stati generati per immaginare e per creare. Sono incapaci di crudeltà e di violenza gratuita...

2) I Predatori-Psicopatici senza coscienza-consapevolezza
Sempre di aspetto umanoide ci sono poi i predatori chiamati anche psicopatici o i senza coscienza-consapevolezza. I predatori-psicopatici puri sono il 4% della popolazione (1 ogni 28 in Europa e 1 ogni 22 in nord America). Non rappresentano solo il concetto mitologico legato ai serial killer e anche se la maggior parte non sono violenti fisicamente, come ci vogliono fare credere, sono tutti violenti psicologicamente ed emotivamente...ed è per questo che ci danneggiano collettivamente e individualmente; con la tecnica del "crazy making" (fare "pazzo") entrano nella nostra testa e cambiano la nostra realtà facendoci credere nel tempo che il bianco è nero e il nero è bianco. Sebbene ci siano intensità diverse della patologia, tutti senza eccezioni stravolgono la vita degli Esseri Viventi Donna/Uomo che li circondano e come i buchi neri li trascinano in un pozzo buio senza fine... 

Lo spectrum della patologia parte dalle zecche parassite che non mollano più il malcapitato rendendogli una vita d'inferno isolandolo dal mondo tra critiche, accuse e sensi di colpa; al finto malato o finto disabile che tortura senza fine; al socialmente funzionale che si districa nella società, sfruttando chiunque incontri grazie ad una maschera di benessere mentale portata con destrezza e con fare opportunista; al predatore che usa la maschera del maschilismo per sfruttare e schiavizzare le donne considerandole solo degli oggetti sessuali o degli oggetti di procreazione; al politico carismatico favorito dai poteri forti perché senza scrupoli e senza vergogna e infine ai serial killer, gli assassini, i pedofili, i violentatori, i sadici e i truffatori che non riescono più a gestire la loro patologia e continuano ad auto-giustificarsi finché la fanno franca e non vengono colti sul fatto...

Hanno tutti più o meno gli stessi tratti e le stesse strategie e sono tutti potenzialmente degli assassini (specialmente in momenti di grande caos) anche se la maggior parte non lo farebbe mai perché troppo complicato per farla franca e per non avere problemi...

La psichiatria medica patologica ha raggiunto dei risultati avanzatissimi grazie alla tecnologia e alle eccellenti analisi e indagini dei ricercatori. Oggigiorno, infatti, è possibile individuare uno psicopatico o una psicopatica molto facilmente. Basta fare la foto del cervello con il MIR scanner o risonanza magnetica e quando il lobo frontale è atrofizzato e non funziona ci si trova davanti a uno/a psicopatico/a. Un altro test effettuato da queste nuove tecnologie, molto semplice ed efficace è quello di mostrare al paziente una serie di foto in cui si alternano foto di gioia e di amore con foto cruente di corpi straziati. Grazie agli elettrodi si può notare che nel cervello dello/a psicopatico/a non c'è differenza alcuna visto che non avendo emozioni una foto vale l'altra e ai suoi occhi sono tutte uguali.

Il predatore o psicopatico non ha coscienza-consapevolezza e quindi non prova nessun rimorso per i danni provocati agli altri. Essere senza coscienza-consapevolezza al predatore non importa anzi lo considera un grande vantaggio e non ha nessuna intenzione di "guarire". Conosce benissimo la differenza tra il bene e il male e sceglie il male come scorciatoia per ottenere quello che vuole poichè fondamentalmente pigro e presuntuoso. Sono ben in controllo delle loro azioni e diventano dipendenti, come l'eroinomane dalla scarica adrenalinica, quando predano secondo il loro piano, a differenza di chi non riesce a gestire le proprie azioni come chi soffre di depressione, di autismo e di schizofrenia. Senza coscienza e senza emozioni il predatore ha, infatti, tutto il tempo per analizzare le sue prede per studiarle bene in maniera da manipolarle il meglio possibile. Per il predatore, gli Esseri Umani sono dei targets o degli ostacoli, nient'altro!!! 
Con gli altri predatori hanno come un radar e si riconoscono tra loro, mantengono la giusta distanza evitando di invadere il territorio dell'altro o si uniscono a "grappolo" per dominare. Si scrutano per scoprire tecniche di manipolazioni più effettive e appropriarsene. 


Non avendo emozioni, non conoscono l'Amore o la gioia di stare insieme tanto per stare insieme o la gioia di godersi un bel tramonto. Per il predatore tutto è business ed è tutto un gioco tra vincitori e perdenti. Chiaramente il predatore farà di tutto per essere sempre il vincitore in ogni situazione e in ogni relazione. Non essendo autonomo, il predatore ha bisogno di esercitare potere o controllo sugli altri specialmente sui targets che individua tra gli Esseri Viventi Donna/Uomo e di cui si circonda. 
Il predatore considera targets gli Esseri Viventi Donna/Uomo empatici e sensibili proprio perché sono gli unici, quando non sono a conoscenza di queste informazioni, che sempre andranno loro incontro cercando di comprenderli e continuando ad aiutarli, comunque. Una pacchia per il predatore che la fa franca facendo quello che gli pare senza mai prendersi responsabilità delle proprie azioni. Come il panda che mangia solo bambù, il cibo del predatore sono solo le emozioni sia positive sia negative degli Esseri Viventi Donna/Uomo che costistuiscono i loro targets. In realtà anche se è economicamente indipendente e/o si trova in un posto di lavoro molto influente, il predatore è di fatto un parassita. Non può vivere senza cibarsi delle emozioni...degli altri!

Quando un predatore individua un target farà tutto quello che è in suo potere per fare colpo. Studia la persona e specialmente se è uno psicopatico "socialmente funzionale"  inizierà a trasformarsi come fa il serpente che perde la vecchia pelle e poi "rinasce" con quella nuova. Si adatta con fare esperto al nuovo target, lo ascolta attentamente, va a ricercare gli interessi diventandone un esperto dal giorno alla notte; attenzioni continue che si succedono con corteggiamenti e complimenti mirati: un vero e proprio bombardamento d'amore... Questo fenomeno chiamato in inglese "love bombing", appunto bombardamento d'amore, agisce sulla chimica del cervello e come conseguenza crea una dipendenza dovuta alla dopamina. 
Il predatore non conosce esattamente come avviene il processo chimico nel cervello, sa solo che bombardare il target di complimenti, di finto amore e di attenzioni e poi smettere di colpo, come con una doccia fredda, funziona perfettamente per ottenere quello che vuole: una dipendenza emozionale da parte del target. Il predatore lo sa fin dalla sua adolescenza quando scopre che non ha emozioni e si mette a osservare le reazioni dei compagni di scuola e dei parenti. Capisce molto bene di avere un vantaggio sugli altri e comincia già verso i 14 anni a pianificare le sue azioni con investimenti strategici per circondarsi di targets da controllare e da distruggere a suo piacimento. 

Quando il predatore-psicopatico decide che il target non è più interessante perché ormai completamente "dissanguato" e prosciugato, una volta trovato un sostituto, lo abbandona senza alcuna pietà, un abbandono spesso accompagnato da accuse mirate per fare venire i sensi di colpa, di cui sono esperti, cosicché al target viene inflitta una ulteriore tortura e dolore come gran finale. Se i targets non conoscono queste informazioni possono addirittura per anni e anni soffrire senza capire quello che è loro successo, prendendosi tutta la colpa e ammalandosi di rimorsi quando l'unica colpa è stata quella di incontrare un predatore sulla loro strada...e questa non è certo una colpa!

Quando il predatore è uno dei due genitori ci saranno nella vita del/lla figlio/a sano/a 2 possibili alternative:
1) diventare un proto-psicopatico o predatore secondario e abbracciare in pieno la cultura e i valori della classe dominante psicopatica fino a quando non succede qualcosa di grave che lo metta in crisi.
2) oppure s'innesca una coazione a ripetere e il target per guarire la ferita aperta dal genitore cercherà di rimarginarla in ogni modo attirando a sé, ed essendo attirato, da predatori-psicopatici fino a quando non verrà a conoscenza di queste informazioni.


Quando i genitori sani si accorgono di avere un figlio o una figlia psicopatica è loro dovere proteggere il resto della famiglia, visto che il predatore utilizzerà ogni mezzo per distruggerla. A proposito cito la storia di una coppia di americani che al compimento della maggiore età del figlio che aveva loro reso la vita impossibile fino a quel momento lo costrinsero in cambio dell'eredità anticipata ad arruolarsi nella carriera militare...detto, fatto ed il figlio sparì dalla circolazione.

Dopo il "love-bombing", i predatori usano varie tattiche per rendere dipendente o scaricare "un target" e per fare fuori quelli che considerano degli ostacoli. Molto capaci con la parola ed esperti del male-dire usano tutti i mezzi per dividere le persone, mettere zizzania, far sentire in colpa, svalutare, sminuire ciò che è importante e ha valore, far sentire inadeguati, far sentire soli, nulli e senza speranza, bugie senza scrupoli e calunnie a volontà, il tutto per raggiungere i loro scopi. Con la parola riescono anche a farti fare cose che non faresti mai...<i sanguemisto: i faccendieri dell'aldilà possono solo sussurrarti nell'orecchio ma una loro parola può darti il coraggio o trasformare il tuo piacere preferito nel tuo peggiore incubo, sono quelli dal tratto demoniaco...e vivono accanto a noi!> (dal film "Constantine" del 2005 diretto da Francis Lawrence)

Mercanti del non-senso che portano a valangate nella vita dei targets o nel paese che dirigono, fanno credere che il bianco sia nero e che il nero sia bianco confondendo e ingannando il target; grazie a una maschera di benessere mentale (Mask of Sanity) impongono il loro "caos" interiore sugli altri per poter poi mettere ordine come vogliono loro; sono manipolatori, bugiardi patologici anche se la verità sarebbe stata l'opzione migliore; falsi che non mantengono le promesse date; inaffidabili e territoriali con scatti di collera, di gelosia e di rabbia quando si sentono minacciati; esperti del divide et impera riescono a dividere famiglie e organizzazioni intere lacerandole dall'interno per sempre...ma quello che senz'altro sanno fare meglio è portare il target a essere contro sè stesso!

Attenzione quindi ai trattamenti silenziosi; ai giochi mentali per rinforzare la dipendenza; al meccanismo dello specchio ossia al sentirsi fare delle accuse che in realtà riflettono chi parla; al fenomeno del "gaslighting" termine inglese usato in psichiatria, che deriva dal titolo di un film in cui il marito psicopatico di una ricca signora appena sposata,  per farla impazzire, faceva credere che quello che vedeva non c'era e viceversa (come ad esempio se la TV era accesa le faceva credere che fosse spenta o l'opposto)...infine state in guardia quando qualcuno vi fa sentire difettoso e da aggiustare, in qualche modo "rotto"...è possibile che abbiate a che fare con uno/a psicopatico/a!!!



Quello che lo psicopatico fa nel suo piccolo nelle relazioni con i propri targets succede lo stesso a un livello macro (come è il micro è il macro; come è in alto è in basso). Infatti, quando un predatore della classe dominante del governo ha a che fare con il popolo, utilizza le stesse identiche strategie come ad esempio le promesse non mantenute tipiche della democrazia o affermare senza scrupoli e senza vergogna che il bianco è nero e che il nero è bianco...


Abbiamo ora testimonianze anche da personaggi illustri che i predatori-psicopatici vengono ricercati da piccoli con molta attenzione specialmente in certe famiglie considerate "bene", e una volta individuati vengono cresciuti, sostenuti e addestrati per prendere i posti di potere in tutte le aree della società. E' cosi che in occidente ci ritroviamo una classe dominante colma di predatori-psicopatici-senza coscienza-consapevolezza. In realtà, siamo arrivati al punto che quando si va a votare, si hanno solo 2 alternative: psicopatico A o psicopatico B. In occidente la cultura non è formata dalla coscienza collettiva della popolazione come invece succede nelle culture tradizionali. Fin dai tempi dei Babilonesi la cultura occidentale è disegnata e "ingegnierizzata" dalla classe dominante e quindi ci ritroviamo una "coscienza parassita" che viene propagandata a ogni angolo grazie ai mass media e alla tecnologia. 

Le culture indigene tradizionali hanno sempre saputo della loro esistenza e conoscono bene l'impeto predatorio. Chiamati "demoni che cercano di invadere questo mondo e lo fanno impossessandosi delle persone" o " quelli che ci rubano tutti i nostri averi, vanno a letto con le nostre donne o i nostri uomini mentre noi siamo via a procurare il cibo per i nostri bambini", venivano individuati fin da piccoli ed erano considerati una minaccia per la comunità. Tant che quando compivano i 14-16 anni il villaggio organizzava una battuta di caccia in cui venivano fatti morire accidentalmente e la comunità era salva. E' probabile che grazie a questa saggezza innata collettiva indirizzata alla sopravvivenza della comunità la nascita dei predatori fosse rara: 1 ogni 1000 circa. Anche i Catarì e gli Gnostici avevano avvisato ed informato sull'esistenza dei predatori. Non stupisce quindi di vedere con quale accanimento se ne è voluto lo sterminio a tutti i costi come d'altronde la stessa sorte è toccata alle civiltà indigene di tutto il pianeta...

In occidente la coscienza parassita si manifesta grazie ad una "griglia di controllo psicopatico" che interagisce continuamente sulla società, condizionando strategicamente la popolazione in modo tale che i comportamenti e gli atteggiamenti psicopatici vengono promossi per essere accettati come "normali" e possibilmente abbracciati e condivisi.
Vediamo per esempio la serie dei porno-vampiri che ci propinano in tutte le salse dove viene romanticizzata la figura del predatore-psicopatico alias vampiro...il predatore non conosce l'amore e punta tutto sul sesso come gli indica il cervello rettile, l'unica parte del cervello che utilizza. 

Oppure l'altra serie televisiva molto popolare "Sex and the city" in cui la donna è ridotta a impersonare una "drag queen" e vale solo se sexy e seducente. La femminilità viene completamente negata e stravolta. D'altronde per il predatore sia maschio che femmina, la donna con la sua capacità d'intuizione è davvero la loro più grande minaccia. Sanno benissimo che attaccando la donna e la femminilità in realtà viene compromessa la società intera. Non stupisce allora che la donna e la femminilità siano sotto attacco e "negate" da secoli...

Ci fanno credere che lo stereotipo femminile che i media promuovono sia quello della donna invece quello che vediamo è lo stereotipo della donna psicopatica senza empatia e senza compassione...uomini e donne non cadete in questa trappola micidiale e mistificatoria! I media non fanno altro che umanizzare i mostri e disumanizzare l'
Essere Vivente Donna/Uomo. Non per niente molti predatori sono attratti dalle professioni del mondo dei media e dell'intrattenimento. Li troviamo dove ci sono grandi soldi in ballo, possibilità di potere e di sesso, meglio se tutto insieme come in politica, nel governo e nel mondo della finanza.

Un 
Essere Vivente Donna/Uomo che abbraccia ed è sotto l'influenza della coscienza parassita diventa un proto-psicopatico o predatore secondario e può essere pericoloso quanto un predatore puro. Le famiglie aristocratiche cercano con varie tecniche di fare diventare i loro bambini mancati predatori puri in predatori secondari (come ad esempio non tenere gli infanti in braccio o creare appositamenti dei traumi come la tradizionale caccia alla volpe inglese che una volta uccisa viene sbattuta in faccia ai bambini).


La differenza tra i due è che l'Essere Vivente Donna/Uomo che si atteggia a predatore avendo ancora la coscienza avrà rimorsi, crisi personali, esaurimenti nervosi e malattie psicosomatiche. Il predatore-psicopatico puro, invece, quando si ammala sarà un malato effettivo e non avrà mai una malattia psicosomatica non avendo emozioni e soprattutto non avendo scrupoli nell'usare e nel danneggiare gli altri.

L'homo psychopathicus ha pianificato di sostituirsi all'empatico homo sapiens su questo pianeta perché secondo gli eugenisti (vedi le tavole di Georgia) promotori del perverso movimento del transumanesimo o del postumanesimo l'Essere Umano sarebbe ormai diventato obsoleto e diffettoso. Quindi, senza rimorsi, scrupoli, vergogna o senso di colpa alcuno, gli eugenisti (molto popolari tra i predatori) si autogiustificano nel volere la diminuizione della popolazione mondiale e la sterilizzazione di massa (vedi Bill Gates e la sua sospetta ossessione con l'Africa). La verità è che c'è in atto una gara-gioco su chi sarà l'ultimo "vittorioso" predatore-psicopatico che sopravviverà su questo pianeta, costi quel che costi, come anche la distruzione del pianeta intero. Sicuramente sappiamo bene che se vengono messi un gruppo di predatori su un'isola con poche risorse...l'estinzione è certa!

Quando si capisce pienamente la funzione dell'esistenza dei predatori-psicopatici, l'allontanarli per sempre dalla propria vita non sarà motivo di odio ma bensi di comprensione e di guarigione per riprendere a vivere in modo sano.
Concludendo, Thomas Sheridan ci ricorda che la natura non sbaglia mai e che molto probabilmente il motivo dell'esistenza del predatore è quello che gli umani ritornino o diventino finalmente "Esseri Viventi Donna/Uomo" capaci di abbracciare consapevolmente la propria umanità per poter fare il salto evolutivo epocale e creare così un mondo a beneficio di tutti...naturalmente di tutti gli Esseri Viventi Donna/Uomo!
E quale sarà la sorte del predatore-psicopatico-senza coscienza? L'estinzione...

Queste sono le 5 caratteristiche per identificare uno/a psicopatico/a-predatore (deve avere tutti e 5 i tratti per essere considerato tale)

1) Non ha rimorsi, vergogna e senso di colpa per i danni procurati agli altri (emotivi, psicologici, fisici, intellettuali, sociali ed economici). Nella loro mente sono sempre perfetti e incapaci di sbagliare o di fare qualcosa di sbagliato e hanno sempre una giustificazione pronta. Hanno il complesso di Dio.

2) Cambia personalità a seconda della persona che ha davanti per manipolarla meglio. Sono degli organismi biologici a cui manca una struttura di personalità interna, non c'è nulla dentro di loro, come dei robot in cui c'è dentro solo una coscienza predatoria che diventa la personalità che serve come negli attori. "Dimmi cosa vuoi che io sia per avere la tua fiducia e io lo sarò". Indossano la maschera del benessere mentale.

3) Usa il senso della pietà per ottenere quello che vuole e controllare gli altri. Non autonomi cercano persone empatiche per controllarle e avere potere su di loro: le trovano raccontando le loro storie pietose. Storie pietose spesso false usate per depredare.

4) Ha un passato misterioso che non combacia. Cambia interpretazione del proprio passato a seconda di cosa serve per ottenere quello che vuole e per controllare gli altri.

5) Sia gli uomini che le donne hanno un alto tasso di testosterone. Capiscono fin da piccoli che possono usare o non usare il sesso per ottenere quello che vogliono.

Tre orientamenti e alcuni consigli per rimanere o diventare "Essere Umani" e per difendersi dai predatori e dalla coscienza parassita predatoria. 

1) Identificare i predatori-psicopatici nella propria vita con l'aiuto di queste informazioni e allontanarli per sempre (nessun contatto in nessun modo). Non essere compiacenti al potere della griglia di controllo psicopatico. Diventare più auto-sufficienti e meno dipendenti dal sistema.

2) Osservare ed eliminare i propri comportamenti ed atteggiamenti psicopatici. Sono comportamenti ed atteggiamenti indotti dalla coscienza parassita che in realtà non ci appartengono.

3) Perdonarsi di essere un Essere Vivente Donna/Uomo e di avere sentimenti. Riprendersi la propria umanità e darle valore. Coltivare e praticare quotidianamente: l'empatia, la compassione, la riconoscenza, la cooperazione e la solidarietà. Senza, infatti, sarà difficile esercitare la propria intuizione e creatività, elementi essenziali per affrontare la vita di tutti i giorni con successo e senza stress. Aumenterà così l'autostima e la fiducia in se stessi fondamentali per difendersi e riconoscere i predatori. Unirsi con gli altri Esseri Viventi Donna/Uomo tuoi veri fratelli e sorelle per riacquistare la fiducia in se stessi e negli altri.

Consigli



- Tenere un diario in cui scrivere quotidiatamente e
scrivere i sogni fatti la notte prima senza cercare di interpretarli per essere connessi con se stessi.

- Smettere di guardare la TV.

- Non comprare più riviste specialmente quelle femminili.

- Smettere di credere al loro sistema di valori (non è il "nostro governo" bensì il loro governo, non siamo noi a distruggere il Pianeta bensì loro stanno distruggendo il Pianeta e l'Essere Umano).

- Evitare di guardare il più possibile le pubblicità.

- Considerare arte solo ciò che innalza lo spirito umano e ti fa sentire meglio. Tutto il resto è spazzatura anti-bellezza e viene promossa come strategia per farti sentire depresso e amare le pubblicità e i video giochi...

- Diventare il più possibile auto-sufficienti (sovranità personale in ogni area della nostra vita etc...). 

- Scrivere lettere di protesta e anche lettere di elogio non solo per partecipare attivamente alla nostra realtà ma anche per sostenere le belle azioni e le cortesie.

- Cercare di bere acqua senza fluoro.

- Non utilizzare le lampadine fluorescenti o a neon.

- Nell'alimentazione includere sempre i grassi saturi. Per i vegetariani e i vegani introdurre l'olio di cocco.


Bibliografia


Thomas Sheridan 


- Puzzling People: The Labyrinth of the Psychopath 



- Defeated Demons: Freedom from Consciousness Parasites in Psychopathic Society




Definizione dello psicopatico di Cleckley:

The Mask of Sanity by Hervey Cleckey,  M.D. 1941 (tradotto in questo articolo come la maschera del benessere mentale)
la persona psicopatica mostra verso l'esterno una perfetta mimica di una persona normalmente funzionante, in grado di mascherare o nascondere la fondamentale mancanza di struttura della personalità interna, un caos interiore che si traduce in un comportamento distruttivo mirato soprattutto alla distruzione degli altri, quindi all'autodistruzione. Nonostante l'apparenza sincera, intelligente e l'affascinante presentazione esterna, internamente la persona psicopatica non ha la capacità di provare emozioni genuine.
 
vedi anche
Robert Hare   "La psicopatia" astrolabio edizioni
Robert Hare   "Without Conscience" http://www.hare.org/welcome/

Alan Watt   http://cuttingthroughthematrix.com/

Mark Passio  http://www.whatonearthishappening.com/
John Lash   http://www.metahistory.org/

Vedi anche articolo: 

Come difendersi dai predatori-psicopatici

http://essereumanoinarmonia.blogspot.it/2013/03/come-difendersi-dai-predatori.html

14 commenti:

  1. .". ...SELEZIONARE .....( "purificando".... al contempo come da Voi suggerito in questo articolo, le varie relazioni personali)... solo Chi non presenta patologie mentali...emotive... psichiche...affettivo-sessuali..ed energetiche ....in una società come la nostra, significherebbe semplicemente AUTOESTINGUERSI, ANNIENTARSI ....vicendevolmente UNO\A CON L'ALTRO\A...fino ad ALIENARSI completamente da Noi Stessi\e e da tutto ciò che ci circonda....!!
    POI...Suddividere gli Esseri Viventi ...(gli Esseri Umani) ....in "sub" Umani ed in altri Esseri Umani "superiori", come vorreste fare Voi... mi pare solo orribilmente NON-UMANO!!
    NON sarebbe meglio invece cominciare ad Essere Consapevoli di Ciò che Siamo in Vero...per Natura Umana...Noi Tutti\e??? IN MODO DA NON ESSERE PIù COSì TERRORIZZATI DAL NOSTRO PROSSIMO??
    : E cioè Esseri Trini...Onnipotenti ...con un Corpo sia mentale che Fisico...ma anche dotati di uno Spirito Onnipotente Eterno, che ci abita Tutti\e ....e che ci ha Generato nel grembo materno NELL'AMORE...e che è in grado di Guidarci,
    Proteggerci ed addirittura RI-GENERARCI...anche alivello mentale-fisico.... in caso di malattie...MORTE o violenze subite? Perchè porre l'accento solo sulla malattia....sulla Debolezza... della Dipendenza Energetica, che caratterizza il 99% di Noi... E NON INVECE SULLA nostra CAPACITà illimitata ed INNATA DI ESSERI UMANI ...DI GUARIRCI E RE-SUSCITARE A nuova Vita?....A nuove abitudini ....a nuove credenze ed a nuovi schemi comportamentali?...Più Amorevoli...più Sani ...Migliori???....QUANDO LO DESIDERIAMO DAVVERO??
    Avete anche citato...la frase sacra:
    "Tanto in Alto come in Basso"...senza capirne realmente il significato, nel tentativo di usarla per sezionare..dividere ed amputare l'Essere Umano nella Sua Natura.
    Ma essa invece testimonia soltanto dell'opposto di ciò che Voi asserite: e cioè che l'Essere umano è Divino...
    Esso\a...Esiste ...tanto nei cieli\nel bene\nella Salute mentale....quanto nell'Abisso\nel male\nella patologia mentale.!! Esiste ed è divino\a...ed è Sè Stesso\a in entrambe le Realtà!!. Perchè queste Realtà compongono la Sua Reale Natura ed Essenza. Certo ANDREBBERO arginate...indirizzate...Governate...MA NON CERTAMENTE GHETTIZZATE OD AMPUTATE O STERMINATE...COME VORRESTE FARE VOI....TUTTO CIò PORTEREBBE SEMPLICEMENTE ALL'AUTODISTRUZIONE DEL GENERE UMANO.....visto che Persone prive di codeste patologie...o abissi o Dinamiche di Dipendenza Energetica ...o vuoto interiore... come lo definite Voi...in Natura ...
    nella nostra Natura umana semplicemente
    NON ESISTONO. !!
    SALUTI. Natascia."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ottimi spunti e concordo :)

      Elimina
    2. Risposta a Natasha Foresti
      L'Essere Umano senza il modus operandi predatorio patologico esiste eccome e negare questo dato dichiarando il contrario invita a nozze il predatore-psicopatico assicurandogli non solo un grande vantaggio, ma anche di farla franca. Anche se gli obbiettivi personali di entrambi sono analoghi ossia l'istinto di autoconservazione e di sopravvivenza c'è una grandissima differenza e sta nel metodo che impiegano per conseguirli.
      L'Essere Umano integrato è sempre connesso al suo Essere Divino e opera per sua natura al maggior bene.
      Vuole sopravvivere e vuole che gli altri sopravvivano, mentre il predatore-psicopatico vuole in realtà, e nascostamente, che gli altri soccombano in maniera che sia l'unico a sopravvivere. Fondamentalmente, l'Essere Umano vuole che gli altri siano felici e stiano bene, mentre il predatore-psicopatico è veramente molto ingegnoso nel far stare male gli altri. Quando l'Essere Umano ha successo, diventa spesso un bersaglio del predatore-psicopatico e per questa ragione potrebbe fallire. Il predatore-psicopatico apprezza solo la rovina altrui anche se appare l'opposto.
      Finché non saremo in grado d'individuare l'Essere umano sostenerlo e mantenerlo libero da indebite restrizioni, e allo stesso modo d'individuare il predatore-psicopatico o gli atteggiamenti/comportamenti predatori fuori e dentro di noi e porgli delle restrizioni, la nostra società continuerà a soffrire di criminalità, guerra e di questa patologia, e l'uomo e la nostra civiltà non dureranno a lungo.
      Non annientare l'Essere Umano e non mancare di rendere impotente il predatore-psicopatico nel suo tentativo di danneggiare il resto di noi potrebbe invece darci una chance per non estinguerci.
      Se non comprendiamo e distinguiamo le caratteristiche delle due tipologie, continueremo a vivere nel dubbio su chi siano i nostri nemici e, così facendo, vittimizzeremo i nostri amici.
      Tutti gli uomini hanno commesso atti di violenza o di omissione per i quali potrebbero essere biasimati e in tutta l'umanità non vi è un singolo essere umano perfetto.
      Ma ci sono coloro che cercano il più possibile di agire nel bene e coloro che si specializzano nel danneggiare gli altri in tutti i modi possibili e immaginabili. L'importante e riconoscerli dalle loro caratteristiche per potersi difendere e per potersi unire con i propri affini. Non si tratta di selezione, ma di sopravvivenza e di affrontare la realtà.
      Angela-Patrizia Calvaruso

      Elimina
    3. ciao Natascia,
      credo sia normale che nel leggere una cosa del genere una persona provi dispiacere e si lasci andare in quel modo, poiché pensi immediatamente ai tuoi simili, a quanto è bello stare insieme a loro su questo meraviglioso pianeta, e quindi è normale scrivere: che ti sembra tutto NON-UMANO!!! E come sia possibile!!!
      Io invece preferisco questo genere di avvertimento e ringrazio quindi gli autori del blog che hanno fatto un'ottima sintesi della situazione dell'essere umano e di ciò che lo circonda. Dovresti rileggere l'articolo. Poi quando dici che "tutto ciò può portare all'autodistruzione del genere umano" ti sbagli alla grande, non te la prendere, ma hai preso un granchio e mi dispiace che siano riusciti a distorcere la tua realtà (come quella di altri, diciamo qualche miliardo di persone); il sistema che è stato messo su da questi signori psicopatici non-umani è il tipico sistema per ingabbiare noi esseri umani e posso dirti che sono a buon punto. Al limite il loro scopo è ridurre l'umanità, contenerla in un dato numero (vedi guerre pianificate a tavolino per non parlare del cancro e di tante altre malattie), ma non vogliono la sua estinzione: siamo ottimi schiavi che terrorizzati ecc ... forniamo loro quell'energia di cui si cibano. Quando dici poi che "non esistono", beh buon per te che non li vedi nella tua realtà ... presumo allora che tu faccia un lavoro tipo avvocato, magistrato o comunque che abbia a che fare con lo stato o col sistema bancario. Si spiegherebbe meglio il tuo rifiuto ad abbandonare il vecchio mondo Demiurgico.

      Elimina
    4. Ai signori Natascia Foresti e Luca Ferretti,
      non mi riconosco nelle vostre convinzioni ma bensì in quelle antitetiche.

      Ad Angela-Patrizia Calvaruso,
      ma dove sono stati finora i predatori psicopatici dal momento che nel c.d. mondo occidentale ed in alcune enclave di quello orientale si è travalicato ampiamente addirittura l'impronta biologica?
      Ritengo che il dover vivere nel pianeta Terra, almeno nel mio caso, sia una punizione e non un premio, punizione determinata soprattutto proprio dalla numerosità dei miei consimili.
      Se fossimo uno per continente hai voglia ai predatori-psicopatici!!!
      A rileggervi.

      Elimina
  2. In questo articolo vi sono spunti di interesse che possono essere di aiuto. Vi è però una ricerca ed una creazione di un nemico definito quale "homo psychopathicus" che non c'è nella realtà ma che è frutto di una specifica visione di chi scrive che, pur con intento forse positivo, crea delle connessioni molto discutibili volte a focalizzare l'attenzione fuori da sé. Vi sono però delle contraddizioni nello stesso testo quindi osservo che è una fase ancora non totalmente cristallizzata e quindi che può evolvere. Inoltre quello che scrivo si basa su ciò che ho letto e forse ulteriori elementi possono essere chiariti con un dialogo di approfondimento che mi trova disponibile nel caso lo si voglia sviluppare. Il punto di partenza che voglio porre ora è che, dal mio punto di vista, la creazione di un nemico da combattere è di quanto più lontano dall'evoluzione e dall'auto-liberazione. Semplicemente si mascherano le proprie responsabilità, da un lato, ma si depotenzia anche la propria capacità di auto-analisi tramite l'indicare un riflesso come causa ed espressione del "male". Nel collettivo si muove una idea-archetipo molto potente in forme nuove dal passato ma sempre molto incisiva, che è quella dell'esistenza di una razza superiore rispetto ad una razza inferiore (come ben spiegato nel precedente commento). Ciò produce un de-sacralizzazione dell'altro, erodendo la dignità che va riconosciuta ad ognuno per poter creare rapporti equilibrati anche quando trattiamo di presunte patologie mentali. Ciò non significa alimentare l'altrui squilibrio ma considerare questo come uno stato non collegato ad elementi immodificabili e generalizzabili ma, appunto, uno stato che può mutare se non in tutti i casi certamente in molti. L'incapacità di assitere in un mutamento è una incapacità data dal limite delle conoscenze attuali ma superabile per coloro che sapranno cercare e scoprire il nuovo. Detto questo ai tempi di Lombroso si cercava tramite i tratti somatici di individuare i criminali, lo stesso atteggiamento è ora riproposto da coloro che si ammantano di ricerche apparentemente più complesse ma se queste si usano per uno scopo come quello di individuare ed eliminare dalla società gli elementi danneggiati, imperfetti od inadatti, la "cura" che viene proposta è peggio del "male" che si pensa di dover combattere. Per inciso questo tipo di selezione è proprio quella proposta da certe scuole di pensiero che sono collegate proprio a quella che ci viene descritta nel testo quale visione predatoria dell'esistenza.

    Luca Ferretti (pt1)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Credo che la categoria dello psicopatico predatore sia anche una metafora dell'inumanità che alberga nel mondo. E' evidente che vi siano comportamenti oggettivamente anti-umani e che questi siano distribuiti a qualsiasi latitudine e sotto varie forme di stato e di governo.
      Il tema dell'individuazione di questi comportamenti, proposto da Angela-Patrizia Calvaruso, è a mio avviso di grande aiuto nel tentativo di creare barriere all'accesso di costoro nelle nostre vite; come pure nel tentare di condividere la nostra esistenza con Persone ed Esseri Umani Empatici.

      Il solo warning al quale porrei attenzione è che questo paradigma interpretativo non venga reificato in qualche categoria di soggetti. In quanto potrebbe diventare altamente discriminante verso gruppi di persone.

      Reputo comunque l'ipotesi dello psicopatico predatore una proposta molto interessante per lavorarci sopra.

      Elimina
  3. Sarei anche curioso di conoscere le fonti dalle quali sono stati tratti questi dati per approfondirne la metodologia statistica (i dati grezzi) e non solo quelli emersi da valutazioni successive:

    "E' probabile che grazie a questa saggezza innata collettiva indirizzata alla sopravvivenza della comunità la nascita dei predatori fosse rara: 1 ogni 1000 circa. "

    "I predatori-psicopatici puri sono il 4% della popolazione (1 ogni 28 in Europa e 1 ogni 22 in nord America)"

    Sono queste idee e spunti che confido possano essere di utilità per proseguire verso più ampi orizzonti.

    Per sviluppare un altro passo, secondo la scrivente negli individui che vengono ritenuti non predatori, esistono tratti psicologici che possono essere comunque ricondotti ai comportamenti descritti quali loro caratteristica?

    Infine nello scritto è stata preparata un'argomentazione che vuole offrire una scappatoia troppo semplice per evitare il dialogo

    "chi nega la loro esistenza e non affronta questo problema è la parte passiva e collabora, rendendosi complice, al mantenimento di questo mondo violento e crudele a beneficio di pochi. E' arrivato il momento di aprire gli occhi e di affrontare questo argomento una volta per tutte, individualmente e collettivamente. Negare l'esistenza del predatore per ignoranza o per "new age world credo" significa essere complici di quello che non va in questo mondo."

    L'argomentazione stessa è costruita basandosi su un grave errore a riguardo del concetto di "complicità" che invito ad approfondire sia in termini giuridici che, soprattutto, morali e sul piano di consapevolezza. Il concetto di complicità presuppone la consapevolezza di un fatto, una situazione, un comportamento che si agevola, quindi, con il proprio non agire o supporto. Se una persona non conosce non è complice. Questo ragionamento però è utile allo scrivente per poter delegittimare e de-sacralizzare le opinioni differenti. Questo è quanto appare ad una pur semplice osservazione.

    Il dialogo quindi si instaura, come sappiamo, se ci si riconosce reciproca dignità altrimenti è solo "un parlare per confermare un proprio credo" ma a questo punto la domanda da farci è la più potente che esista: "perchè?" e nello specifico "perchè e quale utilità offre questo credo?"

    Luca Ferretti

    RispondiElimina
  4. Offre l'utilitòdi non venire annientati da persone senza scrupoli. Che poi questi si comportino così per ignoranza, per tipo di educazione ricevuta, o semplicemente per opportunismo credo che sia importante capirlo ma fino a un certo punto... Ovvero è importante capire i meccanismi che portano a tali comportamenti, senza per foza doverli giustificare. Non siamo tutti uguali. Francamente non credo alle distinzioni genetiche o antropologiche dell'uomo predatore. Più che altro bisognerebbe tirare in ballo cose come coscienza, spirito e anima che se non si hanno magari portano a comportamenti poco umani. Mandare a morire queste persone per sbarazzarsene, mi sembra allo stesso modo disumano! Informare e aprire gli occhi alle persone più ingenue che credono che tutti siano belli, intelligenti e buoni è utile ma comunque per capirlo fino in fondo, per capire BENE la differenza tra bene e male bisogna passarci attraverso e farne esperienza.Magari una loro utilità questi cosiddetti predatori ce l'hanno! Dobbiamo tutti crescere e migliorarci ed evolverci, probabilmente questa evoluzione a volte passa anche attraverso prove difficili e dolorose, che vanno superate. Ma la soluzione per superarle la possiamo trovare solo dentro noi stessi, non eliminando fisicamente le persone che riteniamo sbaglite. Allontanarsi da loro va bene, non subire i loro comportamenti, farsi rispettare, tirare fuori la propria personalità senza venire schiacciati è giustissimo. Anche cooperareinsieme affinchè le cose cambino, senza ammazzare nessuno però:)

    RispondiElimina
  5. grazie mille, ho trovato questo blog ed è utilissimo. Volevo chiedere come si fa, in caso una persona si renda conto di avere degli psicopatici in famiglia (genitori) oppure nel luogo di lavoro, a non avere nessun contatto in nessun modo, in particolare con i genitori? Funziona efficacemente anche il distacco mentale/spirituale da questi esseri, anche se fisicamente la persona continua ad incontrarli e/o a viverci o lavorarci insieme? Grazie !!

    RispondiElimina
  6. I dinosauri si sono estinti... sarà così anche per l'uomo.
    Io ho imparato ad averne a che fare il meno possibile. Sono tutti complicati e tutti vogliono avere ragione e sottomettere l'altro. Più sono sofisticati e incomprensibili e più si sentono superiori: ti fanno sentire inferiore. Il cervello umano è un tumore, una malattia. Gli animali sono i veri esseri superiori e gli unici che fanno la volontà di Dio, anzichè la propria.
    Si salvano solo gli indigeni.
    Personalmente offrirei volentieri la mia vita perchè tutto il genere umano si estigua dalla faccia della terra. Se fossi certo che ciò avvenisse sarei anche disposto a morire lentamente e con atroci sofferenze. Tutti gli esseri umani sono solo che SUPERPREDATORI. Spero che si estinguano prima di distuggere tutta la galassia, o , peggio che infettino tutto l'universo. Sono parassiti incapaci di evolversi, anzi stanno regredendo e diventano sempre più andicappati e sopravvivono solo grazie al tumore che sviluppano lei lori cranii. Sono brutti e sgraziati, senza colori, senza vere abilità. Invidiano gli uccelli, i fiori, i salti degli stambecchi, la grazia e la possenza delle balene...sembra che ammirino il creato ma non fanno altro che uccidere più di quello che possono mangiare, farsi trasportare nel cielo abbattendo ogni altro essere che vola da sè. Sono un pericolo e una minaccia per l'universo intero. Quello che definite predazione psicopatica, forse è solo la difesa immunitaria di questo pianeta: ben venga!

    RispondiElimina
  7. Ho uno schifoso psicopatico parassita del genere attaccato addosso da anni che ha fomentato altri esseri schifosi come lui nel cercare di manipolarmi e farmi stalking/cyberstalking con un sadismo che non ha dell umano. Quello che ce' scitto in questo articolo e' tutto vero...questa gente e' una cancro infetto e va denunciata e fatta rinchiudere il prima possibile.Avere un cuore ed essere umani non e' una debolezza di cui questi subumani/mostri debbano approfittarsi.
    Fate tutto il possibile per difendervi da questi sadici psicopatici e ricordatevi che non importa quanti sono , voi sarete sempre migliori di questa feccia malata...scusate il livore.Forza e coraggio sempre!

    RispondiElimina
  8. Buonasera, ho avuto a che fare con una donna "predatore" per più di sette anni portandomi quasi all'annientamento, ha cercato di demolirmi procurando danni morali, economici e psichici. Le caratteristiche da Voi descritte combaciano bene col "modus operandi" di questa persona e solo grazie alla mia ostinata volontà a capire le cose, a voler esaudire desideri e progetti sani di vita, obiettando spesso il suo modo di fare, ho portato questa donna a sparire improvvisamente. Negli anni ha destabilizzato le mie sicurezze portamdomi a prendere decisioni che hanno caratterizzato negativamente la mia serenità. Di colpo si è resa inavvicinabile, irreperibile creando in me disagio, angoscie e tutbanti speranze. La citata volontà di capire e chiarire i fenomeni umani mi ha portato a studiare gli aspetti psicologici dei comportamenti e sono arrivato ad individuare il quadro delle persone da Voi descritte come psicopatici; spero sia la mia rimonta, poichè ho capito che non posso essere sopraffatto da un sentimento sincero d'amore per chi ha perseguito progetti distruttivi solo nella mia persona e chi mi sta vicino. Ho capito che la cosa migliore da fare non è combatterla, ma tenerla distante. Non ho molti contatti di persone a lei vicine (2/3) perchè mi ha sempre tenuto lontano dal suo circuito, ma Vi chiedo se sia opportuno che metta in giardia quante più persone hanno a che fare con lei o sia meglio evitare per evitare ripercussioni. La coscienza geneealmente mi spinge a intervenire per proteggere persone deboli e a rischio
    manuel

    RispondiElimina